Torta vegana di segale con mirtilli e noci

torta-vegan
 
Circa un anno fa, Paola mi contatta sul blog facendomi i complimenti e dicendomi che anche lei è ligure ma che da anni vive in Francia nel dipartimento del Var tra Provenza e Costa Azzurra, quindi non troppo lontano da casa mia.
Lentamente nasce un’amicizia virtuale, uno scambio di consigli, di ricette e di foto.
C’è feeling fra di noi forse perchè siamo nate nella stessa Terra e le nostre mail si perpetuano.
Mi racconta di quanto è stata difficile dieci anni fa per lei e suo marito, affermati professionisti, la scelta di andare a vivere in campagna.
Mi narra delle loro vigne e del buon vino rosé che riescono a produrre, delle caprette addomesticate e affettuose, del buon formaggio che preparano con il loro latte e della sua passione per la cucina naturale.
Tutto di questa bella signora di sessant’anni mi incuriosice, mi cattura e mi fa sognare, quindi dopo svariati inviti la settimana scorsa metto pochi indumenti nella mia borsa da viaggio rosa, programmo il Tomtom in direzione Tolone e parto di buon ora.
Attraverso la Costa Azzurra viaggiando spensierata, ascolto musica e con entusiasmo preparo la mia anima a questo nuovo incontro.
Dopo poco più di due ore il navigatore tra vigne, mimose e splendide case in stile provenzale mi accompagna di fronte ad un grande edificio in pietra con le persiane color lavanda ed un bellissimo giardino all’italiana tutt’intorno.
Un grosso pastore dei Pirenei mi viene incontro e mi fa le feste, conosco già il suo nome, lo chiamo e gli gratto un pò il suo testone peloso.
E poi una visione, una bellissima donna, con uno chignon alla francese un pò spettinato ma molto chic, con i jeans stretti dentro gli stivali in gomma colorati, mi accoglie con un sorriso radioso.
Paola è ancor più bella che nelle foto, ci abbracciamo felici e commosse ed il cuore batte forte dall’emozione.
Quando Antony, suo marito, ci raggiunge ho un’altra grande sopresa, sembra il sosia di Richard Gere e penso subito che tra vent’anni vorrò essere come loro!
Il pranzo è saporito, insalata mista con crostini di pane di segale e formaggio di capra filante, il loro vino è leggero e profumato, mi sento a casa e tutto ad un tratto per una volta ho chiaro il mio futuro.
Finisco il pasto con una delicata torta vegana, piena di mirtilli e di noci e con tanta serenità nel cuore che solo al ricordo mi accompagna ancora…
 
Ingredienti: 150 g di farina di segale, 100 g di farina di farro, 1 cucchiaio di majzena, 1 bustina di lievito per dolci, 120 g di acqua, 80 g di olio di mais, 180 g di sciroppo di agave, la scorza grattugiata di un limone, un pizzico di sale, 150 g di mirtilli, 150 gi di gherigli di noci.
 
Mettete in un recipiente l’acqua, l’olio e lo sciroppo. Unite poco per volta le farine settacciate, la mayzena, il lievito, la scorza di limone ed il pizzico di sale.
Lavorate per almeno cinque minuti con le fruste elettriche.
Aggiungete per ultimo i mirtilli e le noci sminuzzate grossolanamente.
Cuocete in forno a 180° per circa 30 minuti.